Conversazioni silenziose.

Le cose cambiano, e con le cose cambi anche tu, i tuoi gusti, la tua percezione e le tracce che lasci sul terreno che ti accingi a calpestare.

Le conversazioni cambiano. Si usano meno parole. Più sguardi. Di intesa, di affetto, di ironia e sarcasmo, di induzione al coraggio.
Il silenzio diventa foriero di frasi che le parole – in talune situazioni – non possono riempire.

In silenzio, immagino una conversazione.

Coordinate: Ora del Karate, giorno del Karate, luogo del Karate.

Soggetti: Io e il mio compagno di Kumite.

Lui mi guarda, io lo guardo a mia volta. Ha gli occhi azzurro beffardo.

Si parla attraverso gli occhi, mentre il corpo è occupato a respirare e recuperare da precedenti distruzioni di massa (corporea).

È più giovane di me, l’infame, e quindi recupererà prima. E lo sa.
È anche più forte e stilisticamente plasmato da molti più anni di ‘Filippo Calà treatment’.

E’ anche un Amico.


Occhi Suoi: facciamo insieme?
Occhi Miei: si, ok (merda).
OS: ti fa male qualcosa?
OM: mi fa male tutto, ma la schiena di più… mi fanno male anche le sopracciglia.
OS: oggi abbiamo spinto, eh?
OM: avrei bisogno di un corpo ancora in garanzia.
OS: non ti preoccupare, facciamo un Kumite sciolto.
OM: si si (ironico), sciolto una beata fava.
OS: guarda che anche tu meni.
OM: non lo so, ma a me pare proprio di no.
OS: (sorride) è Karate. Kumite.
OM: se non lo era giocavamo a Briscola, no?
OS: giusto.

La telepatia esiste, e non solo nei libri di Peter Kolosimo.

Location:Piazzale Aeroporto,Sommacampagna,Italy

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s