Quinto Canto, Quinto Anno

un repost dal 2009…

Ed al maestro mi rivolsi e parla’ io,
e cominciai: “Sensei, li miei tormenti 
e le flessioni mi fanno tristo e pio


Ma dimmi: al tempo dell’inizio
a che e come concedesti coorte
che conosceste lo dubbioso prezio?

E quello a me: “Nessuna buona sorte
cambia lo destino o ‘l tuo volere
ne la miseria: e ciò ti farà forte


Ma s’a conoscer ‘l primo sapere
della mia arte che imparo e insegno
dirò come colui che fa accadere.


Combatter fu per me lo sacro impegno
del guerriero che in sogno il trofeo strinse
solo ero e cercai d’esser sì degno.


Per più fiate li occhi mi sospinse
quel sogno, e scolorommi il viso
ma solo un punto fu quel che poi vinse.

Mentre che ‘l maestro questo disse
rimasi fermo; si che del mio orgoglio
io venni al Dojo, così com’io vivesse.

Ed imparar a cader è quel che voglio.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s